aaRemo Giazotto è nato a Roma, il 4 settembre 1910 ed è stato un compositore e musicologo. Il suo nome è legato al catalogo delle opere di Tomaso Albinoni e per aver recuperato il celeberrimo Adagio in SOL minore, noto anche come Adagio di Albinoni; si tratta di una composizione musicale barocca che sarebbe stata scritta nel XVIII secolo, ma pubblicata soltanto nel 1958. Giazotto dichiarò di essersi limitato a “ricomporre” l’Adagio sulla base di una serie di frammenti di Tomaso Albinoni che sarebbero stati ritrovati tra le macerie della biblioteca di Stato di Dresda in seguito al bombardamento della città avvenuto durante la Seconda guerra mondiale. I frammenti sarebbero stati parte di un movimento lento di sonata per archi e organo.

Dopo la sua morte, avvenuta a Pisa il 26 agosto del 1998, l’Adagio si rivelò essere una composizione originale di Giazotto in considerazione del fatto che nessun frammento era mai stato in possesso della Biblioteca Nazionale Sassone. Giazotto scrisse molte biografie di musicisti, tra cui quella dello stesso Albinoni, di Vivaldi, di Giacomo Puccini e di Ferruccio Busoni.

Nel 1949 divenne direttore dei programmi di musica da camera della RAI (Radio Audizioni Italiane). Nel 1967 divenne condirettore della Nuova rivista musicale italiana. Fu inoltre professore di storia della musica all’Università di Firenze dal 1957 al 1969 e nel 1962 all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.