bebop.78Probabilmente l’incisione del 1939 di “Body and Soul“ di Coleman Hawkins segna il passaggio dallo Swing al Bebop. Il Bebop, con i suoi salti giocosi, in double time, segnala qualche cosa di nuovo nel jazz. L’album fu un successo commerciale ed Hawkins divenne fonte d’ispirazione per i suonatori jazz americani, incluso Charlie Parker, che stava già sperimentando scale cromatiche e scoppi veloci di note, nella sua città natale di Kansas City.
Negli anni quaranta, i giovani boppers cominciarono a sviluppare il loro proprio stile venuto dalla musica swing degli anni trenta. I musicisti,  tra i quali gente come Gillespie Dizzy, Charlie Parker, Bud Powell, e Thelonious Monk, furono influenzati dai solisti avventurosi della generazione precedente, di artisti come il pianista Arte Tatum, sassofonisti come Hawkins e Lester Young, e trombettisti come Roy Eldridge.
Gillespie e Parker avevano già lavorato con alcuni dei padroni dello swing, incluso Jack Teagarden, Earl Hines, e Jay McShann. Questi musicisti avevano cominciato ad esplorare le armonie più avanzate, i ritmi syncopati complessi, gli accordi alterati, le sostituzioni armoniche. I seguaci del bebop hanno continuato questa esplorazione con assoluta libertà.
Minton’s Playhouse, locale a New York, è servito da palestra e teatro sperimentale per i primi suonatori del bebop, compreso il chitarrista Charlie Christian, personaggio precursore dello stile bop nei suoi assoli innovativi già quando stava con la Benny Goodman Orchestra, così come i contrabbassisti Jimmy Blanton e Oscar Pettiforded, e il pianista Monk. L’anticonformismo di Monk personificava l’idea di cultura alternativa o “hip” connesso con lo stile di bebop.
Il suo accompagnamento e i suoi assoli sembravano quasi intenzionalmente di perdersi: scomodi e discordanti, ma in modo bello. Le sue composizioni originali sono fra i primi scritti espressamente per il bebop, rendendo Monk uno dei artisti più altamente considerati di questo genere. Liberato dagli arrangiamenti delle grande orchestre, i quartetti, quintetti, e sestetti del bebop potevano comunicare liberamente, facilitando l’improvvisazione libera. Era cominciata una nuova era e una nuova direzione per il jazz. Non era più per ballare, ma per ascoltare.
Con lo swing costante tenuto fortemente dal bassista, i batteristi cominciavano ad improvvisare e di spezzare sempre di più con le loro mani sinistre sul rullante, e con il piede destro sulla cassa. Max Roach, Philly Joe Jones, Roy Haynes e Kenny Clarke hanno cominciato a sostenere e rispondere ai solisti, in una sorta di botta e una risposta, usando l’accento ritmico “dropping bombs” (i botti) per creare un altro strato ritmico. Questo stile di rullo del tamburo ha i suoi relative radici in “second line drumming” – dalle “marching bands” di New Orleans.

Categorie: Jazz