STABAT MATERLa composizione dello Stabat Mater fu commissionata a Pergolesi nel 1735 (a qualche mese dalla morte), dalla laica confraternita napoletana dei Cavalieri della Vergine dei Dolori di San Luigi al Palazzo, per officiare alla liturgia della Settimana Santa. Essa avrebbe dovuto sostituire la precedente versione di Alessandro Scarlatti, commissionata dalla medesima confraternita vent’anni prima.
Lo Stabat Mater ha sempre goduto di una certa notorietà. Molti musicisti si ispirarono ad esso in alcune loro composizioni, quali ad esempio Giovanni Gualberto Brunetti, Camillo De Nardis e Giovanni Paisiello. Johann Sebastian Bach nella sua cantata Tilge, Höchster, meine Sünden (BWV 1083) utilizzò la musica dello Stabat Mater di Pergolesi con piccole modifiche di strumentazione e portando l’Amen finale nel modo maggiore e la adattò al testo del Salmo 51. Joseph Eybler, amico di Mozart e maestro di cappella a Vienna, sostituì alcuni duetti ed ampliò l’orchestra in un suo riadattamento.(Wikipedia)

È suddiviso in dodici numeri:

Duetto “Stabat Mater dolorosa”
Aria per soprano “Cuius animam gementem”
Duetto “O quam tristis et afflicta”
Aria per contralto “Quae moerebat et dolebat”
Duetto “Quis est homo, qui non fleret”
Aria per soprano “Vidit suum dulcem natum”
Aria per contralto “Eja, Mater, fons amoris”
Duetto “Fac, ut ardeat cor meum”
Duetto “Sancta Mater, istud agas”
Aria per contralto “Fac, ut portem Christi mortem”
Duetto “Inflammatus et accensus”
Duetto “Quando corpus morietur”

Di seguito il Duetto “Stabat Mater Dolorosa”.
[relatedYouTubeVideos relation=”keywords” terms=”Stabat Mater Dolorosa Pergolesi” max=”1″ class=”horizontal center bg-black” height=”320″ width=”600″]