Parigi, Napoli, Trieste, Venezia

Disderi,_Adolphe_Eugène_(1810-1890)_-_Giuseppe_Verdi_(1813-1901)A trentaquattro anni il compositore ha ormai raggiunto una fama internazionale; le sue opere si rappresentano con frequenza in tutti i teatri del mondo, e vengono commissionate dai principali teatri italiani.

Ma tutto questo non era ancora sufficiente per lui.

La trasformazione de I lombardi in Jérusalem (Parigi, Opéra, 26 novembre 1847) costituisce il primo incontro con le esigenze del grand opéra francese, e di questa esperienza sono evidenti le tracce ne La battaglia di Legnano (Roma, Argentina, 27 gennaio 1849), in cui conflitti individuali ed aspirazioni patriottiche, sollecitate dal contemporaneo esplodere dei moti risorgimentali, si alternano nella partitura.

Con Luisa Miller (Napoli, San Carlo, 8 dicembre 1849), di nuovo su modello schilleriano, i conflitti si spostano anche tra differenti livelli sociali, alla fine dei quali l’innocenza soccombe.
Con Stiffelio (Trieste, Teatro Grande, 16 novembre 1850) l’ambientazione borghese di una setta religiosa mette in luce il conflitto tra i sentimenti individuali e il dovere che la carica spirituale impone.

Con Rigoletto (Venezia, La Fenice, 11 marzo 1851) l’arte verdiana raggiunge uno dei suoi vertici più alti grazie alla perfetta concatenazione drammatica, realizzata con altrettanto perfetto equilibrio dei mezzi musicali impiegati: la vendetta del buffone di corte per l’oltraggio inflitto dal duca libertino alla figlia ricade spaventosa su di lui tra lo scatenarsi degli elementi naturali in tempesta.

Sempre sulla dimensione degli individui si atteggia La traviata (Venezia, La Fenice, 6 marzo 1853), partitura accentrata sull’eroina, una cortigiana che alle convenzioni ipocrite della società in cui vive oppone il totale sacrificio di sé.

A queste due vicende direzionali, nelle quali lo sviluppo dell’azione avviene con un ritmo intensissimo, si contrappone quella del Trovatore (Roma, Teatro Apollo, 19 gennaio 1853), ricavata dall’omonimo dramma di García Gutiérrez, in cui le motivazioni che determinano lo svolgimento dell’azione sono continuamente eluse.

Categorie: Biografie