hanks-antonioPhiladelphia, il film, tratta il delicato tema dell’AIDS, la malattia che raggiunse il culmine della sua drammaticità negli anni novanta. Uno degli elementi portanti del film, accanto alle interpretazioni del pluripremiato Tom Hanks e di Denzel Washington, è la musica, che sostiene quasi tutte le scene principali. Alla colonna sonora composta da Howard Shore, si affiancano i brani Streets of Philadelphia all’inizio del film e Philadelphia nel finale, i cui autori Bruce Springsteen e Neil Young ottennero rispettivamente il premio Oscar alla migliore canzone e una nomination per il medesimo riconoscimento.

La sequenza più struggente è senza dubbio quella che si realizza sulle note di un Aria di Umberto Giordano cantate da Maria Callas. La disperazione dell’uomo, il dramma dell’omosessuale che vive nascostamente il proprio amore, e che con dignità affronta la morte dello spirito prima ancora di quella del corpo. Quest’Aria, del 1896, è conosciuta come La mamma morta ed è tratta dall’opera Andrea Chénier.


1 commento

I commenti sono chiusi.