dixieland3b729

La tecnica e la formazione “classica” entrano nel Jazz

Il genere Dixieland nasce poco tempo dopo il genere “New Orleans” e costituisce il primo approccio dei musicisti bianchi verso i linguaggi musicali degli strumentisti afro-americani in ambito Jazz.
Musicalmente parlando, il genere Dixieland si differenzia dal contemporaneo “New Orleans” per la superiore cultura musicale classica dei musicisti bianchi rispetto ai neri. Con una maggiore padronanza tecnica degli strumenti dovuta a studi classici e non da autodidatti nelle parti scritte e nei giri armonici si ritrovano elementi un po’ più colti rispetto al parallelo genere nero. Le formazioni e le esecuzioni comunque si differenziano solamente per uno swing più naturale presente nel genere “New Orleans” rispetto al “Dixieland”.

Gli strumenti dello stile New Orleans dei neri e dello stile Dixieland dei bianchi sono in gran parte quelli delle bande o marching band dell’epoca. La sezione fiati è formata da una o due trombe o cornette, un trombone ed un clarinetto; la sezione ritmica comprende: uno strumento grave ovvero il basso tuba, il  sax basso o contrabbasso, uno strumento armonico ovvero la chitarra o il banjo ed uno strumento ritmico/percussivo ovvero la batteria, ma spesso il solo tamburo rullante portato a tracolla quando si suona in movimento. La sezione ritmica ha il compito di accompagnare la sezione melodica con il ritmo costante della batteria, con i poderosi bassi del tuba/sax basso/contrabbasso e con gli accordi del banjo o della chitarra. La sezione melodica, invece, svolge un intreccio polifonico più complesso. La tromba o la cornetta suonano il tema principale, il clarinetto ed il trombone rispondono con una specie di controcanto spesso ironico utilizzando in maniera comica gli effetti più caratteristici di ciascuno strumento. I trombonisti usano spesso i tipici glissati, note blues ed effetti ritmici, mentre i clarinettisti suonano trilli, scale veloci e suoni growl (rauchi), che si ottengono soffiando e cantando contemporaneamente dentro allo strumento.