busoni
Dante Michelangelo Benvenuto Ferruccio Busoni è nato ad Empoli, il primo aprile 1866. Fu pianista, compositore e direttore d’orchestra.

Figlio d’arte: la madre, di origini tedesche, era una pianista di professione, e il padre, empolese, clarinettista.

Cominciò a studiare musica sin da bambino, e debuttò come pianista a sette anni. Solo pochi anni dopo era già diventato compositore ed improvvisatore a Vienna. Nel 1878, a soli 12 anni, scrisse un concerto per pianoforte ed archi.

Dopo aver frequentato composizione a Graz per 15 mesi ed essersi diplomato nel 1882, fu a Lipsia 1886, ad Helsinki 1888 dove tenne la classe di pianoforte ed ebbe Sibelius fra i suoi allievi. Seguirono attività didattiche a Mosca e Boston.

Dopo tanto girovagare, nel 1894, si stabilì definitivamente a Berlino.

All’inizio della prima guerra mondiale divenne direttore del Conservatorio Giovanni Battista Martini di Bologna, ma per la disorganizzazione totale che vi regnava, per l’arretratezza culturale del clima, scelse di trasferirsi a Zurigo.

Al termine del conflitto Busoni fu a lungo incerto sul suo rientro a Berlino, anche per la situazione politica che andava delineandosi. A spingerlo al rientro furono l’offerta di una classe di composizione da parte di Leo Kestenberg e l’esigenza di rientrare nella sua casa.

Rientrò nel settembre del 1920 e riprese a comporre: la toccata, il valzer danzato, le scene della duchessa di Parma per il Faust, ed intraprese delle tournée all’estero: Londra e Roma.

Visse fino alla morte a Berlino dove morì per una malattia renale il 27 luglio del 1924.

Categorie: Biografie