Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Dalla francese “Opéra comique” ad una forma d’Opera “più seria”.

BoieldieuFrançois-Adrien Boieldieu nacque a Rouen il 15 dicembre 1775. Artista nato sotto l’Ancien Régime, che si formò durante il Terrore, che divenne celebre durante il Consolato e l’Impero, che fu onorato dai Borboni ma che cadde in declino con la Rivoluzione di luglio. Egli fu il principale compositore francese d’Opéra del primo quarto del XIX secolo.
Il padre, che era segretario dell’arcivescovado di Rouen, lo impiego come corista nella chiesa metropolitana; qui egli apprese i primi elementi di musica dal maestro Urbain Cordonnier e passò poi sotto la direzione di Charles Broche, organista della cattedrale e «artista di qualche merito. Didatta ordinariamente severo nei confronti dei propri allievi, Broche fu particolarmente duro nei confronti del giovanissimo Boiel, secondo la convinzione che alle giovani promesse occorresse riservare un cattivo trattamento. Si dice, a questo riguardo, che Boieldieu dovesse svolgere per il suo maestro servizi da cameriere (come tra Haydn e Porpora), e che un giorno, per evitare la punizione prevista per una lieve mancanza, fosse scappato fino a Parigi. A sedici anni Boieldieu possedeva un piacevole talento di esecuzione al pianoforte, delle felici idee melodiche e qualche nozione di armonia; si faceva anche già sentire in lui, con grande intensità, quella passione per il Teatro che sarà decisiva per il suo indirizzo artistico. I suoi scarsi risparmi erano impiegati per un posto all’Opéra, e quando mancava il denaro, come spesso gli accadeva, trovava l’ingresso di sotterfugio, per deliziarsi delle musiche di Grétry, di Dalayrac o di Méhul.
Aveva già composto diverse romanze: Quand, par pudeur, Au sein des plaisirs, Dans mes ennuis, De la lune les lueurs sombres, Charmant objet e, nel 1792, un Concerto per Pianoforte. Per un artista promettente come lui, però, il massimo della felicità sarebbe stato comporre un’opera e il libretto glielo scrisse il padre Jean-François.
Nacque così, nel 1793, la sua prima Opéra-comique, “La Fille coupable”, in 2 atti, rappresentata al Théâtre des Arts di Rouen il 2 novembre 1793. Il Terrore non impediva le rappresentazioni teatrali e a Rouen si tenevano importanti attività musicali: altre sue romanze furono cantate dal celebre tenore Garat e, incoraggiato dall’accoglienza favorevole della sua opera prima, ancora con il concorso librettistico del padre, il 28 ottobre 1795 mandò sulle scene i 3 atti della Rosalie et Myrza, che fu un successo, anche se, purtroppo, lo spartito è andato perduto.

Morì a Varennes-Jarcy l’8 ottobre 1834.

(Tratto da Wikipedia)