Da Verga a Targioni-Tozzetti

Cavalleria_RusticanaCavalleria rusticana fu la prima opera composta da Mascagni ed è certamente la più nota fra le sedici composte dal compositore livornese. Il suo successo fu enorme già dalla prima volta in cui venne rappresentata al Teatro Costanzi di Roma, il 17 maggio 1890, e tale è rimasto fino a oggi. Basti pensare che ai tempi della morte di Mascagni, avvenuta nel 1945, l’opera era già stata rappresentata più di quattordicimila volte solo in Italia. La prima rappresentazione di Cavalleria Rusticana fu un successo inaudito, con Mascagni che venne richiamato sul palco dagli applausi del pubblico per quattro volte.

Indirettamente va riconosciuto il merito all’editore Sonzogno che indisse il concorso musicale che indusse Mascagni verso la creazione dell’opera. Su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti, ispirato a sua volta dalla novella di  Giovanni Verga, Mascagni creò questo capolavoro in un Atto Unico.

La trama: [Cavalleria Rusticana è una storia che si svolge in un paese siciliano (ispirato a Vizzini) durante il giorno di Pasqua. Ancora a sipario calato, si sente Turiddu, il tenore, cantare una serenata a Lola, sua promessa sposa che durante il servizio militare di Turiddu ha però sposato Alfio. La scena si riempie di paesani e paesane in festa, giunge anche Santa, detta Santuzza, attuale fidanzata di Turiddu, che non si sente di entrare in chiesa sentendosi in grave peccato. Entra allora in casa di mamma Lucia, madre di Turiddu, chiedendole notizie del figlio. Lucia dice a Santuzza che Turiddu è andato a Francofonte a comprare il vino, ma Santa sostiene di aver visto Turiddu che si aggirava sotto la casa di Lola. La stessa notizia arriva anche ad Alfio, che ignaro di tutto va a trovare Lucia. A questo punto Santuzza svela a Lucia la relazione tra Turiddu e Lola. Egli ormai l’ha disonorata per ripicca contro Lola, alla quale prima di andare soldato aveva giurato fedeltà eterna, e che ora continua a frequentare sebbene sia sposata. Giunge dunque Turiddu che discute animatamente con Santa; interviene anche Lola che sta per recarsi in chiesa, e le due donne si scambiano battute ironiche. Turiddu segue Lola, che è sola perché il marito lavora. Santuzza augura a Turiddu la malapasqua e, vedendo arrivare Alfio, gli denuncia la tresca amorosa della moglie. Dopo la messa, Turiddu offre vino a tutti i paesani. Alfio entra nella piccola bottega e getta il bicchiere di vino in faccia a Turiddu il quale gli morde l’orecchio sfidandolo a duello. Turiddu corre a salutare la madre e ubriaco, le dice addio e le affida Santuzza. Subito dopo si sente un vociare di donne e popolani. Un urlo sovrasta gli altri: “Hanno ammazzato compare Turiddu!”] tratto da Wikipedia

Intermezzo

Uno dei momenti più soavi dell’opera è l’Intermezzo Sinfonico che a differenza di altri Intermezzi avviene nel corso dell’Atto Unico.

[relatedYouTubeVideos relation=”keywords” terms=”Intermezzo Cavalleria Rusticana” max=”1″ class=”horizontal center bg-black” height=”320″ width=”600″]

Categorie: Lirica