Strumenti musicali degli Antichi Greci

1Gli Antichi Greci usavano diversi strumenti per accompagnare le danze e i canti associati alle cerimonie religiose e alle tante manifestazioni della vita sociale.
Gli strumenti maggiormente usati erano a corda, a percussione e a fiato. Alla prima famiglia appartengono la lira o cetra che era lo strumento più comune e più antico, la cui invenzione era attribuita al Dio Apollo. Dalle iniziali tre corde, poi divenute quattro, si arrivò a sette corde a partire dal VII secolo a.C.

Tra gli strumenti a percussione c’erano i tamburelli, i cimbali, i sistri (di origine egizia) e i cròtali (corrispondenti alle moderne nacchere spagnole).

Tra gli strumenti a fiato più diffusi c’era l’aulòs: di diverse dimensioni, con ancia semplice o doppia, è lo strumento più vicino all’oboe moderno. Un altro strumento a fiato molto diffuso era la siringa, paragonabile al flauto moderno. Una specie particolare di siringa era il cosiddetto flauto di Pan la cui invenzione era attribuita al Dio Pan.

Della ninfa, seguace di Artemide, si innamorò il dio Pan. Siringa, per sfuggire al dio, scappò fino alle rive del fiume Ladone. Qui invocò le Naiadi, che la trasformarono in un fascio di canne palustri che al soffio del vento emettevano un suono delicato. Unendo alcune di esse, Pan costruì un nuovo strumento musicale al quale diede il nome di siringa in ricordo della ninfa.(Wiki)