carminaburana2Nel 1937, il compositore tedesco Carl Orff musicò alcuni brani dei Carmina Burana, che sono testi poetici contenuti in un importante manoscritto del XIII secolo, il Codex Latinus Monacensis, proveniente dal convento di Benediktbeuern e attualmente custodito nella Biblioteca Nazionale di Monaco di Baviera. Orff realizzò un’opera omonima componendo “musica nuova”, sebbene nel manoscritto originale fosse contenuta una traccia musicale per alcuni dei brani. Per le sue caratteristiche può essere definita anche “cantata scenica” ed ha il sottotitolo “Cantiones profanae cantoribus et choris cantandae, comitantibus instrumentis atque imaginibus magicis”. L’opera non presenta una trama precisa e richiede tre solisti (un soprano,un tenore e un baritono), due cori (uno dei quali di voci bianche), mimi, ballerini e una grande orchestra (Orff ne ha composto anche una seconda versione dove l’orchestra è sostituita da due pianoforti e percussioni). L’opera è strutturata in un prologo e tre parti. Nel prologo c’è l’invocazione alla Dea Fortuna sotto cui sfilano diversi personaggi emblematici dei vari destini individuali. Nella prima parte si celebra la “Veris laeta facies” ovvero il lieto aspetto della primavera. Nella seconda, “In taberna” ovvero “All’osteria”, si hanno prevalentemente canti goliardici; nella terza parte, “Cour d’amours” cioè “Le corti dell’amore” contiene brani che inneggiano all’amore, che si concludono con il coro di grazie alla fanciulla (“Ave, formosissima”). Nella terza ed ultima si ha la ripresa del coro iniziale alla Fortuna.

[relatedYouTubeVideos relation=”keywords” terms=”Carmina Burana Oh fortuna orff” max=”1″ class=”horizontal center bg-black” height=”320″ width=”600″]

O Fortuna
velut luna
statu variabilis,
semper crescis
aut decrescis;
vita detestabilis
nunc obdurat
et tunc curat
ludo mentis aciem,
egestatem,
potestatem
dissolvit ut glaciem.
Sors immanis
et inanis,
rota tu volubilis,
status malus,
vana salus
semper dissolubilis,
obumbrata
et velata
michi quoque niteris;
nunc per ludum
dorsum nudum
fero tui sceleris.
Sors salutis
et virtutis
michi nunc contraria,
est affectus
et defectus
semper in angaria.
Hac in hora
sine mora
corde pulsum tangite;
quod per sortem
sternit fortem.

Categorie: Lirica