rayNegli anni di maggior successo Ray Charles dovette decidere se esibirsi negli stati a maggioranza razzista, da cui lui stesso proveniva, del sud, e chinarsi davanti alle esigenze di spettacolo e guadagno. Scelse un epocale rifiuto. Bandito degli stessi stati gli fu proibito di esibirsi. Sarà riabilitato circa trent’anni dopo, e la sua canzone più nota “Georgia on my mind” diverrà il simbolo della rinascita di uno stato che con largo ritardo si emanciperà e cancellerà definitivamente i segni dell’ignoranza e dell’intolleranza razziale.

Georgia on my mind

Georgia, Georgia,
The whole day through
Just an old sweet song
Keeps Georgia on my mind
I’m say Georgia
Georgia
A song of you
Comes as sweet and clear
As moonlight through the pines
Other arms reach out to me
Other eyes smile tenderly
Still in peaceful dreams I see
The road leads back to you

I said Georgia,
Ooh Georgia, no peace I find
Just an old sweet song
Keeps Georgia on my mind

Other arms reach out to me
Other eyes smile tenderly
Still in peaceful dreams I see
The road leads back to you

Georgia,
Georgia,
No peace, no peace I find
Just this old, sweet song
Keeps Georgia on my mind

I said just an old sweet song,
Keeps Georgia on my mind