Giovane, bella e con un talento artistico sorprendente, considerata la vincitrice spirituale di The Voice of Italy 2015, di ritorno da un grande successo in America dove si è esibita con diversi concerti compreso il Gala annuale della NIAF ed ospite alla Casa Italiana Zerilli-Marimò, Alessandra Salerno interpreterà con un Tribute, Amy Winehouse, la cantante scomparsa prematuramente, sabato 28 luglio alle ore 21.30 al Teatro di Verdura, accompagnata dall’Orchestra Jazz Siciliana diretta dal M° Domenico Riina. Amy Winehouse aveva soltanto ventisette anni quando lascIò il mondo della musica portando con sé un grande ed incolmabile vuoto. Interprete ed artista elegante e raffinata, immediatamente riconoscibile alla prima nota, Amy Winehouse sarà ricordata e celebrata in un momento musicale particolare inserito nella stagione concertistica estiva della Fondazione The Brass Group. Blues, Jazz, Soul e Gospel si fonderanno in un caleidoscopico musicale dove nulla è lasciato al caso. L’obiettivo principale del concerto, sarà quello di far riaffiorare il rapporto più puro di Amy con la musica, riscontrabile, ad esempio, nel noto duetto con Tony Bennett. “Sette anni fa – dichiara la vocalist palermitana Alessandra Salerno – se ne andava la voce più rivoluzionaria della musica jazz, soul, r&b. pop… Ricordo ancora quel giorno e quella sensazione di sconcertante dispiacere. Sabato 28 luglio riporteremo indietro le lancette, ed io nel mio piccolo avrò due immesni onori, quello di omaggiarla con un tributo insieme all’OJS e quello di farlo in uno dei teatri più importanti d’Italia, il Verdur,a a Palermo Capitale della Cultura”. Una interpretazione resa possibile grazie alla voce scura ed intensa della Salerno, che propone una musica avvolgente, tutta da ascoltare. Orgogliosa di essere nata in Sicilia, culla anche della musica Jazz con l’indimenticabile Nick La Rocca. La Salerno continua dicendo che “La Sicilia è una regione molto viva culturalmente e anche musicalmente, del resto siamo una terra di transito, dove le culture da sempre si mescolano, quindi nel campo della musica è facile trovare eccellenze nel mondo del cantautorato, del jazz, del folk, del blues, della musica classica, elettronica e di ogni genere. Il fermento c’è, si respira nell’aria. Come artista sono un’inguaribile sognatrice”.