Giuseppe Andaloro e Orchestra Fiorentina

er il doppio appuntamento che domenica 18 e lunedì 19 giugno lo riporta al fianco dell’Orchestra da Camera Fiorentina, affidata alla bacchetta di Piero Romano.

A fare da cornice saranno le opere e la storia del Cenacolo di Santa Croce (ore 21 – biglietti 20/15 euro), sala trecentesca affrescata da Taddeo Gaddi.

Ad esaltare le doti di Giuseppe Andaloro sarà invece un capolavoro mozartiano, il concerto per piano e orchestra “Jeunehomme” composto per una pianista francese “giunta dal gran mondo a sconvolgere Salisburgo, con una ventata di profumo mondano”, per dirla con le parole del musicologo Bernhard Paumgartner. Una cosa è certa, Madame Jeunehomme doveva essere una gran virtuosa, viste le difficoltà che affiorano dal brano.

Pianoforte battagliero e vigoroso che segna anche quel processo di integrazione fra solista e orchestra, d’irrobustimento dello spessore discorsivo e drammatico congiunto, di cui Mozart è stato magnifico precursore.

Allo “Sturm una Drang”, anche se nella sua accezione sentimentale e patetica, ci porta invece la “Trauer-Symphonie” di Franz Joseph Haydn che chiuderà il programma, mentre l’apertura sarà riservata ad un brano di un giovane compositore contemporaneo, “Sassifraga” di Neri Monici.

Attualmente direttore del Conservatorio di Matera, il direttore Piero Romano vanta svariate collaborazioni, tra cui quelle con la Filarmonica di Greensboro in Messico, con l’Orchestra Filarmonica di Baden-Baden (la più antica d’Europa), con la United European Chamber Orchestra, con l’Orchestra di Stato di Atene e con la Everett Symphony Orchestra.

La trentasettesima stagione dell’Orchestra da Camera Fiorentina è realizzata con il sostegno di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Comune di Firenze, Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Banca CR Firenze, Città Metropolitana di Firenze.

Programma concerti domenica 18 e lunedì 19 giugno 2017 – ore 21
Cenacolo di Santa Croce – Piazza S. Croce 16 – Firenze
N. Monici Sassifraga, prima esecuzione assoluta
W.A. Mozart Concerto in Mib magg KV 271 Jenehomme per pianoforte e orchestra
F.J. Haydn Sinfonia n. 44 in mi minore “Trauer-Symphonie”