La Musica e la Filosofia Moderna

Due vette distanti

musicaefilosofia

Due linguaggi diversi ed un diverso modo di intendere la cose non aiuta nella reciproca comprensione. La Filosofia Moderna ed i suoi filosofi trattano di Musica come accezione dell’espressione umana, con sottovalutazione. Cartesio è un’eccezione, ma Spinoza, Hume, Kant, Croce rientrano in questa categoria. Hegel, ad esempio, considera la Musica, subordinandola al proprio sistema concettuale.

Non è un caso che i tre filosofi europei sensibili al fascino della Musica, Schopenhauer, Kierkegaard, Nietzsche, siano stati odiati e respinti (come “non filosofi”) dall’establishtnent filosofico professorale e universitario, soprattutto dagli eredi dello hegelismo.

Di contro, è giusto registrare, di come i massimi musicisti della tradizione classica e romantica, Mozart, Beethoven, Schubert, Schumann, Brahms, ricambiarono i filosofi dei secoli XVIII e XIX con un atteggiamento di analoga estraneità.

L’attenzione sistematica di Wagner per Schopenhauer è un caso isolato, una simmetria a specchio rispetto alla celebrazione della musica compiuta da quel filosofo.

L’interesse del giovane Richard Strauss per Nietzsche si spense interamente in anni maturi, ma resta comunque un riferimento importante.

Probabilmente non c’è possibilità d’intesa tra la musica e la filosofia classica orientata verso il cosiddetto “pensiero forte“, ovvero sistematico, articolato da cima a fondo in categorie onnicomprensive, tendenti a definire in maniera organica tutto il reale, la natura fisica e la sfera logica, la psiche e il mito, la politica e l’arte.

Esiste possibilità d’intesa quando la musica entra in rapporto con il cosiddetto “pensiero debole“, ossia elastico, non sistematico, prevalentemente analitico: con il fenomenologismo di Husserl, con Heidegger e la sua dottrina esistenziale-ontologica, con il marxismo eretico di Adorno, con l’indagine critica sulla cultura condotta da Ernst Bloch.

Il legame tra Schönberg e Adorno è esemplare, ma lo è non meno quello tra Bergson, Debussy e Proust.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *